il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


RIVOLTA D'ADDA

Bare abbandonate dietro al cimitero
Il sindaco: "Inammissibile"

Macabro spettacolo Il Comune prenderà provvedimenti nei confronti della ditta che si occupa della manutenzione

La zona delle cappelle gentilizie è off limits per la caduta di pezzi di marmo
RIVOLTA D’ADDA — Ci sono bare vuote, abbandonate fuori dal cimitero. Si trovano ai piedi del muro di cinta, dietro al camposanto e sono coperte da teli, ma visibili in una zona recintata di proprietà comunale. Ciò non cambia la macabra situazione che il sindaco Fabio Calvi definisce "Inammissibile", tanto da annunciare: "una lettera di sanzioni nei confronti del manutentore". Lo spettacolo indecoroso non è l’unico guaio del camposanto comunale: sono state transennate alcune cappelle gentilizie. C’è il rischio che si stacchino pezzi di marmo. "Indubbiamente — prosegue Calvi — è un fatto grave che le casse funebri siano state dimenticate dietro al cimitero, seppure in una zona delimitata e non accessibile se non dagli incaricati della società di manutenzione. Da quanto mi hanno spiegato i tecnici del Comune, dovrebbe trattarsi di bare vuote in attesa di smaltimento. Ciò non toglie che non andavano lasciate lì. Una volta accertate con precisione le responsabilità, agiremo nei confronti del manutentore". Le cappelle gentilizie, invece, presentano preoccupanti segni di cedimenti lungo le facciate esterne, tanto da rendere necessaria la sistemazione di una recinzione per evitare che i visitatori rischino di farsi male. Le strutture sono piuttosto datate, con ogni probabilità, la loro costruzione risale ad alcune decine di anni fa. "C’è il pericolo che pezzi di marmo cadano a terra — continua il sindaco —. Dunque, dopo un sopralluogo dei nostri tecnici comunali, nei giorni scorsi abbiamo deciso di transennare la zona. Nel frattempo dovremo contattare i proprietari. Della manutenzione si occupa il Comune ma poi le spese andranno coperte dai privati".

19 Settembre 2013