il network

Giovedì 13 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Ludopatia, una piaga da combattere

Sabato 26 convegno sulla dipendenza dal gioco d'azzardo promosso da Comune, Diocesi e LegAutonomie

Stefania Bonaldi, Mara Baronchelli e don Francesco Gipponi
Due dati rendono l’idea di quanto sia drammatica anche nel Cremasco la situazione di chi è entrato nel tunnel del gioco d’azzardo. Qui, tra l’altro, vivono due persone che, dopo aver sperperato una montagna di euro, vengono ‘accompagnate’ costantemente da specialisti del servizio sanitario ogni volta che escono di casa, proprio per evitare ulteriori disastri. Nel complesso, inoltre, sono una settantina le persone malate di ludopatia che vivono in città e nei dintorni e in cura. La punta di un iceberg comunque. Il Comune ha le mani legate. Non è possibile legalmente infatti — come ha confermato ieri il sindaco Stefania Bonaldi — "porre divieti all’apertura di nuove sale e locali con slot machines". Si può, però, cercare di sensibilizzare l’opinione pubblica. E’ quello che l’amministrazione, insieme alla LegAutonomie e alla Diocesi cercherà di fare sabato 26. Nella sala degli Ostaggi verrà organizzata una mattinata di riflessione dal titolo ‘Il Cremasco territorio d’azzardo? Parliamone insieme per non giocarci il futuro’. Interverranno esperti e amministratori locali. 

17 Ottobre 2013