il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


PAULLESE

Spenti i semafori a San Donato
Ma rimangono le code

Stamattina, intanto, pendolari e sindaci sui Rai3 è partito la sperimentazione dello spegnimento dei due impianti di San Donato

Il sindaco di Pantigliate Lidia Rozzoni, la giornalista Veronica Fernandez e Stefano Begotti del comitato pendolari cremaschi

Da stamattina è iniziata la sperimentazione dello spegnimento dei due semafori della Paullese a San Donato Milanese. Si concluderà venerdì. Cinque giorni per capire se questa soluzione garantirà dei vantaggi in termini di eliminazione di code e diminuzione dei tempi di percorrenza sul percorso Crema-San Donato. I primi commenti dei pendolari, raccolti sui social network, non sono entusiasmanti. Le code registrate dalle 7 sino alle 9, e anche più tardi, sono rimaste pressoché uguali, se non peggio del solito, anche per via di un incidente alla rotatoria di Zelo Buon Persico. Sempre stamani, intanto, Stefano Begotti, coordinatore del comitato pendolari cremaschi è stato ospite, insieme ad alcuni sindaci dei comuni milanesi della tratta, della trasmissione Buon giorno regione su Rai 3. Una diretta dal semaforo della motorizzazione di San Donato per capire il primo impatto della sperimentazione. Tra gli intervistati anche Federico Lorenzini,  vice sindaco di Paullo. La giornalista Veronica Fernandez gli ha chiesto dell'ipotesi di spegnere anche il semaforo all'uscita dal paese sulla Paullese. Uno dei due, insieme a quello di Zelo, che i pendolari chiedono a gran voce di eliminare, anche attraverso una raccolta firme  on line attiva su activism.com. "Il problema - ha spiegato  Lorenzini - per noi è più complesso. La Paullese in quel punto è più stretta che qui a San Donato (è su una sola corsia per senso di marcia,ndr) e per togliere l'impianto vanno studiate due corsie di immissione, una verso Crema e l'altra, per chi esce dalla parte opposta dell'incrocio, verso Milano. Si tratterebbe comunque di soluzioni tampone". Tutti d'accordo su quest'ultimo punto. Rimane fondamentale che ripartano i lavori del raddoppio dell'ex statale sul tratto milanese, in particolare che vengano appaltati quelli del secondo lotto tra il cavalcavia della 'Cerca' e Paullo.

21 Ottobre 2013