il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Lavori per 880 mila euro sulla rete idrica della città

Investimento di Padania Acque per risolvere i problemi di pressione e approvvigionamento

Si prevedono importanti lavori sulla rete idrica cittadina
Padania Acque investirà, nei prossimi mesi, 880mila euro per migliorare la rete idrica cittadina e la funzionalità dell'acquedotto. Dopo aver rilevato i gravi problemi di portata e pressione della rete, riscontrati soprattutto nel periodo estivo, è iniziato da parte dei tecnici un lungo e complesso processo di raccolta informazioni, in alcuni casi già disponibili in altri da reperire attraverso un innovativo sistema di rilevazione del funzionamento dei vari pozzi. Sono state così identificate alcune macro aree su cui intervenire lungo una linea di intervento che prevede di aumentare la produzione (con apertura nuovi pozzi, recupero produttività degli esistenti ed efficientamento degli impianti di potabilizzazione). I primi interventi effettuati hanno riguardato l’efficientamento della gestione dei prelievi dell’Ospedale Maggiore, l’installazione di sensori presso gli impianti di via Brunelli, via Bramante e via Miglioli; il collegamento della rete di Caperganica a quella di Crema. Restano però da attuare gli interventi più corposi, a partire dall’apertura di due nuovi pozzi in attesa del finanziamento necessario per uno studio delle falde e del comportamento della rete nel suo complesso che permetta la progettazione di soluzioni strutturali e quindi definitive per le oltre 11.500 utenze collegate (di cui l’87% sono domestiche). Il primo pozzo verrà quindi realizzato nella zona di Ombriano (in via Ferrario poco a sud dell’impianto già esistente) ed il secondo a santa Maria (in via Bramante, zona Pierina). Inoltre verranno sistemati gli impianti di via Brunelli a Santo Stefano, di via Miglioli a San Bernardino, di via De Marchi a Crema Nuova e di via Dogali a San Bartolomeo per renderli di nuovo pienamente funzionali ed aumentarne l’efficenza. Per quanto riguarda il dato economico, gli interventi costeranno complessivamente 880mila euro (il nuovo pozzo di Ombriano circa 210.000, quello di Santa Maria circa 400.000 ed il resto diviso tra gli interventi sugli altri pozzi). La tempistica prevede la realizzazione di tutti gli interventi in circa 1 anno e mezzo.

05 Novembre 2013