il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


Crema. Per la cattedrale stava lavorando alla cattedra e all'ambone, che verranno completati dai figli

Morto l'artista Toffetti
Stava restaurando il Duomo

Lo 'scultore dei papi', così soprannominato per le tante opere realizzate per la Santa Sede, era nato 65 anni fa a Mozzanica

Morto l'artista Toffetti
Stava restaurando il Duomo
Da mesi stava lavorando al restauro del Duomo, ennesima chiesa del Cremasco che ha impreziosito con il suo tocco. Ma a finire quest’ultimo lavoro ci penseranno i suoi figli: Mario Toffetti, scultore tra i più conosciuti e apprezzati nell’ambito dell’arte sacra, è deceduto venerdì sera, intorno alle 19, all’età di 65 anni. Nativo di Mozzanica, nel corso della sua vita si è guadagnato l’appellativo di ‘scultore dei papi’ grazie alle innumerevoli opere realizzate per la Santa Sede (su tutte, le porte bronzee della basilica di Santa Maria Maggiore e il battistero della Cappella Sistina a Roma). Lavorava nel suo laboratorio di Fornovo San Giovanni, nella bassa Bergamasca, dove ha concepito le tantissime opere commissionategli nel Cremasco: da Passarera a Camisano, da Capralba a Bottaiano, il circondario è ricco di suoi lavori. In città, il suo maggiore contributo rimarranno l’altare della cattedrale (realizzato nel 1979 su commissione dell’allora vescovo Carlo Manziana) e due nuovi importanti opere nel Duomo in corso di restauro: la cattedra, già terminata, e l’ambone, che completeranno i figli. I funerali saranno celebrati lunedì alle 14.30 a San Carlo, altra chiesa cremasca che porta la firma di Toffetti.

09 Novembre 2013