il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Aule fredde e vetri rotti, a scuola con la coperta di lana

Gli studenti del liceo delle scienze sociali del Racchetti costretti a far lezione tra gli spifferi

Gli studenti del Racchetti costretti ad usare le coperte in classe
Fare lezione sotto le coperte. Non è un sogno che si avvera per gli studenti che amerebbero rimanere a letto, invece di alzarsi per andare a scuola, ma, al contrario, è l'unica soluzione possibile per non buscarsi un malanno mentre si passano ore fermi in aula. Gli studenti del liceo delle scienze sociali del Racchetti da una settimana a questa parte, causa l'abbassarsi delle temperature esterne, hanno cominciato ad andare a lezione con nello zaino la coperta di lana. Le aule, infatti, sono ghiacciate, le finestre rotte, e l'acqua piovana allaga i pavimenti. Gli stessi professori e il resto del personale patiscono ogni giorno i disagi dovuti al freddo. Un problema destinato ad accentuarsi con l’arrivo dell’inverno se non verrà al più presto realizzato un intervento di ristrutturazione dell’edificio scolastico di proprietà della Provincia: "Siamo nella stessa identica situazione degli anni passati — racconta Anna Pariscenti, studentessa del liceo di largo Falcone e Borsellino che siede nella consulta degli studenti cremaschi —: soprattutto al piano terra, in quelle che erano le aule della scuola elementare, il freddo di fa sentire. I ragazzi vanno in classe con le coperte, gli insegnanti non tolgono i giubbotti. Colpa delle finestre rotte, del riscaldamento poco efficace e di tanti altri problemi legati alla vetustà dell’edificio e alla necessaria manutenzione". Anche le classi che si trovano ai piani superiori vivono situazioni di disagio: "La mia aula ha i vetri rotti — continua Pariscenti —: non è raro, come già avvenuto negli anni scorsi, che al rientro in classe dopo un fine settimana piovoso tocchi a noi prendere straccio e secchio per asciugare banchi e pavimenti. Segnalazioni agli enti competenti sono state fatte più volte, già l’anno scorso e due anni fa".

13 Novembre 2013