il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Tortelli cremaschi, i più buoni sono quelli di Elisa e Sara

Le due componenti della 'Compagnia del tortello' conquistano il premio assegnato al termine della manifestazione organizzata dalle Tavole cremasche

La giuria della gara dei tortelli cremaschi

Il titolo di miglior tortello cremasco del 2013, assegnato ieri sera nella serata finale di Tortelli & tortelli è andato a Elisa Giarrusso e Sara Crespiatico, due trentenni che hanno preparato il tortello con la ricetta proposta da una parente ultraottantenne. Le due, che si sono soprannominate Compagnia del tortello, a parere della giuria composta da dieci personaggi cremaschi e non, hanno superato il piatto proposto dai Pantelù e quello di Agnese Gorvini. Il verdetto è arrivato a tarda serata nella prima edizione di una manifestazione che evidentemente ha bisogno di essere ancora rodata e che organizzativamente ha lasciato qualche dubbio.

Solo dopo lunghi calcoli e controlli sono state decretate le vincitrici scelte in un lotto di 25 partecipanti provenienti da tutto il Cremasco.

Va sottolineato che l’intera giuria ha sottolineato l'alta qualità generale dei tortelli proposti, i 25 concorrenti hanno dato un’interpretazione personale della ricetta ma sempre con standard di qualità che la giuria ha apprezzato.

La passione per i tortelli cremaschi non conosce età, a sorpresa anche gli alunni della classe quinta della scuola elementare di Castelnuovo si sono iscritti alla gara e hanno proposto i loro tortelli, realizzati naturalmente con l’aiuto delle mamme. Poi si sono fatti avanti ristoratori (anche Pia Gobbato), casalinghe che hanno proposto le ricette tradizionali di famiglia, signore in rappresentanza di interi paesi.

La giuria era composta dal consigliere regionale Federico Lena, l'assessore comunale Giorgio Schiavini, il presidente del consiglio comunale Vincenzo Cappelli, Antonio Bonetti, Amilcare Cazzamalli, Alvise Borghi, Maria Leone, Edgardo Volpi, Angelo Dossena e don Giorgio Zucchelli.

18 Novembre 2013