il network

Giovedì 27 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


RIVOLTA D'ADDA. LA STORIA

Giulia è sul podio ai mondiali di sci

In Austria la ventiduenne si è ‘presa’ due medaglie di bronzo ai giochi ‘Special Olympics’. Era alla sua prima partecipazione: 'Un’emozione da vivere, da ricordare e da raccontare’

Giulia è sul podio ai mondiali di sci

Giulia Colombi

RIVOLTA D'ADDA - «Un’emozione da vivere, una storia unica da ricordare e da raccontare». Così Giulia Colombi, ventiduenne atleta diversamente abile di Rivolta, ed i suoi genitori Flavio e Raffaella, che la seguono in tutte le gare cui partecipa, descrivono l’esperienza di Schladming, la località austriaca che dal 14 al 25 marzo ha ospitato i giochi mondiali invernali ‘Special Olympics’ (un programma internazionale di allenamento sportivo e di competizioni atletiche per persone con disabilità intellettiva ideato nel 1968) dai quali Giulia, alla sua prima partecipazione, è tornata con due medaglie di bronzo conquistate nello sci alpino: una in super G ed una in slalom. Nel super G, specialità di cui è campionessa italiana, Giulia ha vinto il bronzo piazzandosi terza dietro ad una ragazza australiana e ad una ragazza tedesca. Poi è stata la volta dello slalom (disciplina di cui è invece vicecampionessa nazionale): nei preliminari la pioggia e le alte temperature hanno reso la neve della pista una poltiglia complicando non poco le discese degli atleti. Giulia è caduta. Nonostante il dolore al ginocchio si è rialzata, ha rifatto la porta saltata per la scivolata, ed è giunta al traguardo facendo il tempo necessario ad essere ammessa alla finale dove ha dato il meglio di sé cogliendo un altro bronzo, unica fra gli azzurri in gara nello sci alpino ad essere salita due volte sul podio in questo mondiale. Al di là dei risultati, mamma Raffaella sottolinea lo straordinario clima che ha accompagnato gli ‘Special Olympics’ invernali 2017. «Per raccontare l’atmosfera di quei giorni a Schladming – dice - ci vorrebbe un libro e forse non basterebbe nemmeno. C’erano 2.700 atleti, provenienti da tutto il mondo. Abbiamo fraternizzato con tutti, è venuto a trovarci anche Arnold Schwrzenegger, presidente di Special Olympics Austria, così come Tim Shriver (nipote di John e Robert Kennedy), figlio della fondatrice del movimento Special Olympics Eunice Kennedy Shriver. Bellissimo il momento delle premiazioni, con l’indescrivibile gioia sui volti dei ragazzi, che hanno vissuto un’esperienza faticosa, certo, perché ci si alzava alle 5 del mattino, ma unica nel suo genere». Con le gare di Schladming Giulia, che ad aprile compirà 23 anni, ha concluso la stagione sciistica. Ma poiché lei è un’atleta a 360 gradi, la sua attività non conosce soste e si concentra ora sul nuoto, senza dimenticare volley e basket integrato. «Giulia – prosegue Raffaella - si allenerà per i regionali di nuoto a Monza per lo Special Oylimpics ed i nazionali, sempre di nuoto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Marzo 2017