il network

Mercoledì 13 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Tadi, 'superpreside' con 102 scrutini e 2.400 studenti

Dirigente del Racchetti -Da Vinci e reggente del Munari: 'A Cremona questi numeri li fanno tre colleghi insieme'

Tadi, 'superpreside' con 102 scrutini e 2.400 studenti

CREMA - Centodue scrutini alla fine del primo quadrimestre, altrettanti a fine anno scolastico e appena pochi di meno a settembre, quando mancheranno le classi quinte, per gli ‘esami di riparazione’. A presenziare a tutti dovrà esserci Pierluigi Tadi, che si appresta a vestire il mantello da ‘Superpreside’ per volare da una sede all’altra e per adempiere al compito titanico che gli è stato assegnato dall’Ufficio scolastico regionale. Trasferito dal primo settembre scorso al liceo Racchetti-Da Vinci, che conta 1.735 studenti, Tadi si è visto aggiungere la reggenza anche dell’istituto Munari (altri 601 alunni), per un totale di 2.336 allievi e, appunto, di 102 classi. Il tutto, suddiviso in quattro plessi. «E’ il risultato delle dimensioni degli istituti a Crema — commenta il diretto interessato — e della mancanza di dirigenti scolastici. A Cremona, 102 scrutini se li suddividono tre miei colleghi, perché in quell’ambito le dimensioni delle scuole sono assai più ridotte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Ottobre 2017