il network

Martedì 12 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


50 anni fa il disastro del Vajont: più di 2000 morti

Bibliche le proporzioni della sciagura provocata dalla frana del monte Toc nel lago di Vaiont

50 anni fa il disastro del Vajont: più di 2000 morti

BELLUNO. 10 — Un' onda mortale è scesa ieri sera alle 22.42  dal serbatoio idroelettrico formato dalla dica del Vaiont provocando una immane sciagura nella zona a cavallo dei confini della provincia di Belluno e Udine. Le testimonianze concordano soltanto sulla resistenza della diga del Vaiont, la più alta d'Europa e sulla frana staccatasi dal monte Toc — parecchi milioni di metri cubi di terreno — che è precipitata nel lato artificiale. 

Oltre 4000 uomini, tra alpini, genieri, carabinieri reparti
di Pubblica Sicurezza e vìgili del fuoco lavorano ininterrottamente
dalia mezzanotte e mezza nella zona della sciagura.
Il bilancio della sciagura, delle vittime umane, è impossibile.. Oltre 4000 uomini, tra alpini, genieri, carabinieri repartidi Pubblica Sicurezza e vìgili del fuoco lavorano ininterrottamentedalia mezzanotte e mezza nella zona della sciagura.
A Faè come a Villanova. a Pirago, a Rivalta, a Malcom non è rimasto più nulla: dov'era la piazza centrale, la chiesa, la stazione delle autocorriere, le case, le strade non c'è che un enorme buco: un anfiteatro levigato dall'acqua cosparso di rottami e di mattoni, di massi rocciosi, di masserizie in frantumi

IL PDF

04 Ottobre 2017