il network

Giovedì 27 Aprile 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


Alla diga di Molare (in provincia di Alessandria) con l'archeospeleologo

In gita a Molare con il Csus di Genova Pegli, il Centro di Speleologia Urbana Sostenibile. «L’archeospeleologia è una materia che evolve dalla speleologia urbana, ovvero lo speleologo che decide di andare scoprire cosa c’è sotto le città», racconta Stefano Podestà, istruttore del Csus. Per diventare archeospeleologo bisogna passare sotto il suo “addestramento”. «Non basta essere competente in materia archeologica», assicura. «Servono nozioni di impiantistica, idraulica, edilizia. Se in uno scavo ci si imbatte in un pozzo sotterraneo pieno d’acqua l’archeologo tradizionale non può continuare. E qui che arriva l’archeospeleologo, con tutto il bagaglio pratico che mischia l’ingegneria all’edilizia acrobatica». Di pari passo con la formazione ci sono le escursioni a Molare organizzate come attività associazionistica aperta a tutti (info 346 3235839): si visita la diga abbandonata al confine tra Liguria e Piemonte che negli anni ‘30 fu teatro di una tragedia simile a un “piccolo Vajont”.

(videoservizio di Massimiliano Salvo)

14 Marzo 2017